Shoppers

Ogni italiano consuma, pro capite, neonati compresi, 300 sacchetti di plastica all’anno, equivalenti all’emissione di oltre 8 kg di CO2 pro capite. Ogni sacchetto, polietilene costa circa 5 centesimi. Scarsamente vengono poi riutilizzati, soprattutto come contenitori per i rifiuti. Poi finiscono inevitabilmente nella spazzatura o spesso purtroppo nell’ambiente, dove possono “durare” dai 15 anni, fino a 1000 anni!

Solo 1% dei sacchetti viene riciclato, riciclarne una tonnellata costa 4.000 dollari. Mentre una tonnellata di materia prima vergine per produrli, costa 32 dollari, riciclarli quindi non conviene.

La maggior parte dei sacchetti finisce in mare, nei 6,4 milioni di tonnellate di rifiuti (di cui il 90% è plastica) che ogni anno lì finiscono.

In Europa si producono, ogni anno, circa 100 miliardi di sacchetti di plastica, attività che equivale ad un consumo di 819.000 tonnellate di petrolio.

Da gennaio 2010 i sacchetti non biodegradabili, dovevano essere sostituiti con prodotti biodegradabili, invece dal Ministero dell’Ambiente è arrivata immancabile la proroga di un anno (1 gennaio 2011). Legambiente ed il WWf, ipotizzano, credibilmente, un’ulteriore proroga, insomma un vero procrastinare la sistematica DEVASTAZIONE DELL’AMBIENTE.

 

Con il rispetto del copyright delle immagini selezionate

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...